elisee reclus

Archive for agosto 2011

Quadretto poco lusinghiero dei leghisti duri e puri. Hanno famiglia anche loro. Generalmente anche senza grandi titoli di studio quindi di più difficile collocazione sul mercato del lavoro http://www.lospiffero.com/article.php?id_sezione=2&id=1986

Soccorre la Regione in attesa di veder nascere la Padania (ma i padani ammetterenno queste abitutidini romane una volta stato a se? Intanto rubano i nostri soldi). La prossima volta che pagate un ticket o un bollo auto pensateci bene.

Posted on: agosto 10, 2011

deleonardis.org Nuovo Post – Una strategia green per Glasgow. Leggilo qui: http://deleonardis.org/?p=1015

Un comunicato alquanto ridicolo nella forma e nella sostanza a) scritto con un linguaggio poco appropiato b) da un ignorante: i controlli sono a cura di Arpa e lstituto zooprofilattico L’unica cosa certa è che è scritta da un’assessore leghista (o da un suo collaboratore sempre della stessa famiglia…). Tornate a scuola o a coltivar patate CDD (come dovevasi dimostrare) http://www.regione.piemonte.it/notizie/piemonteinforma/in-breve/index.php Basta falsi allarmi su frutta e verdura L’assessore regionale all’Agricoltura, Claudio Sacchetto, considera il recente rapporto di Legambiente “I pesticidi nel piatto”, inerente la possibile presenza di residui chimici all’interno di frutta e verdura, “l’ennesima azione informativa che rischia di affondare un comparto, quello ortofrutticolo piemontese, reduce da emergenze mediatiche spesso e volentieri ingiustificate. I dati scientifici, dunque oggettivi, denotano tre importanti realtà: in primo luogo il fatto che frutta e verdura del Piemonte sono eccellenti, i valori sono ottimali e soprattutto decisamente migliori di gran parte delle regioni italiane, per non parlare di altri Stati europei dove i residui di agrofarmaci raggiungono cifre enormi. In secondo luogo va sottolineato come la Regione Piemonte, che da anni finanzia la professionale attività dell’Ipla, è la prima a preoccuparsi di controllare la qualità dei prodotti, in quanto un monitoraggio costante tutela il consumatore ma anche il produttore, rendendone credibile il lavoro. Infine, va evidenziato come valori già di per sé positivi siano esponenzialmente migliorati negli ultimi 10 anni. E’ ora di finirla con il lancio di emergenze e paure che mettono in ginocchio interi comparti, è giunto il momento di lasciar lavorare in pace gli agricoltori senza pregiudicare il lavoro di mesi con falsi allarmi”.

La superiorità della intelligenza lombarda ci ha portato ad un passo dal default e dal commissariamento di fatto del Paese. Cosa mai succeduta con governi posticci da prima repubblica con ministri delle finanze pugliesi o campani che tolleravano persino il contrabbando. Evidentemente avevano un minimo di coscienza pubblica che ignoravamo e sapevano farsi da parte. Siamo cresciuti nell’idea che la classe dirigente del nord dovesse essere un modello per tutti noi. Noi poveri tapini del resto di Italia dovevamo guardare come si faceva ricco un Paese. Qualcuno è persino immigrato per studiare l’efficienza lombarda e nordica. La maggior parte degli italiani residenti al nord è onesta, capace e dotata di cervello ma noi Ci ricorderemo per anni di Bossi, Berlusconi e Tremonti come loro rappresentanti. E qui si tralasciano i vari soggettuccoli amministratori di comunelli spersi e province, queste ultime nate come funghi solo per dare una cadrega a qualche pedemontano coltivatore di patate. Ora qualche coltivatore di patate è diventato pure capogruppo in Parlamento o governatore. In attesa che la maggioranza dei residenti a nord si svegli e incominci a provare fastidio per questi soggetti che li rappresentano si può tranquillamente dire che il baricentro dell’idiozia si è spostato a nord. Il resto d’Italia ringrazia

Link

Posted on: agosto 8, 2011

Posted on: agosto 8, 2011

Currently Browsing: http://ow.ly/1vrOBH

Link

Posted on: agosto 5, 2011