Lo spazio mediatico

La tv e i media sono usciti da tempo dal loro spazio mediatico per investire la vita “reale” dall’interno, esattamente come fa il virus aggrendendo una cellula sana. Non c’e’ bisogno di casco o di codice digitale è la nostra volontà che finisce per muoversi nel mondo come un’immagine di sintesi. Tutti noi abbiamo incorporato il nostro ricevitore e ciò prova intensi effetti di disturbo per l’eccessiva vicinanza della vita con il suo doppio, frutto del collasso del tempo e della distanza. Che si tratti della telepresenza, lo psicodramma televisivo in diretta o l’immediatezza dell’informazione su tutti gli schermi è sempre lo stesso cortocircuito della vita reale. Baudrillard (1995), *Il delitto perfetto. La televisione ha ucciso la realtà?*

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...